L’importanza della lettiera

Chiunque abbia a casa un gatto sa quanto sia importante la lettiera. Non è solo la toilette del nostro felino, ma è anche un punto di riferimento importante all’interno dell’ambiente “casa”.
I gattini già intorno alle tre-quattro settimane di vita imparano a sporcare nella lettiera, sia per imitazione del comportamento materno, sia per per il naturale istinto dei gatti a cercare un terreno fresco o sabbia per nascondere i propri bisogni. Non è quindi necessario insegnare loro ad usare la lettiera, ma basterà mettere a disposizione una cassetta in luogo accettabile e accessibile, dal punto di vista del gatto e non del proprietario, e il gatto saprà a cosa serve.

Lettiera per gatti

Continua a leggere

Gatti e allergia: come fare?

Allergia al pelo sì o no?

Parlando di allergia ai gatti, cani e in generale agli animali bisogna subito sfatare un mito: non si è allergici al pelo, bensì alla saliva!
La saliva dei gatti (ma come, ripeto, degli animali d’affezione in generale) secerne una proteina, chiamata Fel D1 che viene distribuita sul pelo durante le cure che il gatto gli dedica quotidianamente. il così detto grooming. Naturalmente i gatti a pelo lungo creano molti più problemi rispetto a quelli a pelo raso, per il semplice fatto che si aumenta la superficie che il gatto lecca e di conseguenza aumenta il fattore che scatena l’allergia.
In altri casi quella che viene definita allergia ai gatti è solo una reazione a ciò che il gatto “trasporta” con il suo pelo. Tra i peli del gatto, ma anche di qualsiasi animale a pelo folto, ci sono pollini o acari causa di reazioni allergiche senza che il gatto ne sia direttamente responsabile. Continua a leggere

Gatti, toxoplasmosi e gravidanza

Molto spesso mi capita di leggere di gatti in cerca di casa o abbandonati a causa dell’arrivo di un bebè.
Quando ci si vuole sbarazzare di un animale, ogni scusa è quella buona, ma spesso anche l’ignoranza decreta una sentenza di sfratto per il pet domestico come se, dal momento che arriverà un nuovo “giocattolo” o meglio un bambino, chi prima aveva tutte le attenzioni diventa di troppo. La toxoplasmosi e i rischi di contrarla in gravidanza sono la perfetta scusa per allontanare il gatto o i gatti di casa.

Per fortuna contrarre la toxoplasmosi è molto difficile, sia per noi umani che per i gatti, ma essendo una di quelle malattie di cui si sente tanto parlare e che pochi conoscono bene, c’è l’errata credenza che gatti e donne gravide non possano convivere serenamente sotto lo stesso tetto.

La toxoplasmosi è un’infezione causata da un parassita, che è presente negli uccelli e nei mammiferi (ad esempio i topi), che viene poi espulso attraverso feci e urine che possono così infettare la terra e l’acqua. Proprio per la tendenza dei gatti a mangiare i topi, è possibile che i nostri felini di casa contraggano la malattia e la possano trasmettere a noi.

Donna in gravidanza con il gatto

Continua a leggere